Lunedì, 18 Luglio 2016 13:28

Come scegliere il dentista per bambini

Scritto da 

E’ la pedodonzia che si occupa dell'odontoiatria rivolta ai bambini, con particolare attenzione alla prevenzione delle carie.

Ma qui duole subito una precisazione: anche i "denti da latte", a prescindere dalle “leggende metropolitane” hanno bisogno di cure, a differenza di chi crede che non debbano essere curati perchè destinati alla naturale sostituzione da parte dei denti permanenti. In realtà la perdita precoce di un dentino può essere causa di di problemi di allineamento e di occlusione nella bocca del futuro paziente adulto.
Andare dal dentista odontoiatra a Cesena, Milano, Roma, Palermo o qualsiasi città d’Italia, può essere un evento traumatico per un bambino (anche per un adulto), ecco perché è importante scegliere uno studio dentistico specializzato per bambini, capace di rendere l’esperienza il più piacevole possibile, pronto all’aiuto e alla comprensione. Per questo è necessaria una formazione avanzata e specifica per questo settore.

 

A che età la prima visita odontoiatrica?

 

La prima visita odontoiatrica deve essere fatta tra i 4-6 anni, periodo in cui si inizara a fare quella che viene definita " la conta dei denti". A questa età in bocca ci devono essere 20 denti. Se esistono problemi ortodontici, si possono risolvere o prevenire con una diagnosi molto precoce, questo per poter arrivare in età adulta in condizioni di perfetta normalità e salute. Ci sono poi casi particolari in cui occorre intervinire con  una radiografia panoramica in grado di individuare eventuali agenesie (mancanza di alcuni denti permanenti).

 

Il pediatra deve essere dello stesso parere del dentista?

 

Il Pediatra e l'otorinolaringoiatra hanno il compito di aiutare a prevenire le eventuali alterazioni dello sviluppo della mascella, decidendo per esempio di correggere l'ipertrofia delle adenoidi migliorando così la respirazione orale e il russamento notturno.

 

Cosa si ottiene attraverso le sedute logopediche?

Attraverso le sedute logopediche si possono intercettare e correggere parafuzioni o abitudini viziate legate ad uso prolungato di succhiotti e biberon che possono creare problemi nel modo di chiudere i denti, eliminando deglutizione infantile e posture linguali dannose per uno sviluppo armonico della bocca.

 

Come effettuare una giusta prevenzione sui denti dei bambini?

La prevenzione è sempre la miglior cura, soprattutto per quanto riguarda i piccoli (ma non deve essere nemmeno sottovalutata negli adulti). E’ importantissimo, anzi, risulta fondamentale, mantenere sempre un'igiene orale soddisfacente con spazzolino diversificato secondo l'età del paziente e dentifricio fluorato. La somministrazione professionale di fluoro deve essere valutata nei singoli casi dallo specialista per evitare eccessi di questo prezioso elemento alleato dei denti.

Quando deve iniziare la pulizia dei denti?

La pulizia dei denti deve iniziare alla comparsa del primo dentino con una garza imbevuta di soluzione fisiologica.

Nelle varie fasi di sviluppo si consiglia di mantenere un'alimentazione regolare e bilanciata e di programmare visite periodiche di controllo dal proprio dentista.

 

Quali sono le abitudini da evitare nei primi mesi di vita per mantenere denti sani?

Per mantenere denti sani, è bene evitare, fin dai primi mesi di vita, l'utilizzo eccessivo di biberon carichi di liquidi zuccherati (thè, tisane, camomilla...) o tettarelle intrise di zucchero o miele. Queste abitudini provocano carie multiple molto precoci.

Letto 602 volte Ultima modifica il Lunedì, 18 Luglio 2016 13:42